Il sacrificio di Siani che torna ogni volta

Il 23 settembre 1985 a Napoli ci fu un concerto di Vasco Rossi al quale avrebbe voluto partecipare Giancarlo Siani, suo grande fan. 

Giancarlo non riuscì mai ad andarci, quella stessa sera, venne assassinato dalla camorra per aver denunciato, tramite i suoi articoli, alcuni clan camorristici e il legame con pezzi delle istituzioni. Giancarlo aveva soli 26 anni quando fu trovato crivellato di colpi, nella sua Citroen mehari verde, sotto la sua abitazione nel quartiere Arenella. Adesso penseremo che a 26 anni si esce con la fidanzata, si lavora, si gioca a calcetto con gli amici. A 26 anni, invece, capita anche di morire per raccontare una verità che da troppo tempo ci tiene col cappio al collo. 

Ogni volta che si mette in discussione la scorta a chi si schiera contro le mafie; ogni volta che si critica chi denuncia il malaffare; ogni volta che si isola chi ha il coraggio di parlare ci si rende complici dello stesso sistema, così facendo eroi come Giancarlo Siani muoiono ogni volta. 

Ogni volta è anche la bellissima canzone di Vasco che in più occasioni, indossando il cappellino di Libera contro le mafie, ha dedicato al giornalista napoletano;

 La stessa canzone è stata usata anche dal regista Marco Risi come colonna sonora del film fortapasc che racconta gli ultimi giorni di vita del giornalista. 

Ogni volta che viene giorno 

Ogni volta che ritorno 

Ogni volta che cammino e 

Mi sembra di averti vicino 

Ogni volta che mi guardo intorno 

Ogni volta che non me ne accorgo 

Ogni volta che viene giorno…

OGNI VOLTA.

00LiberoDeRienzofortapasc_900
dal film fortapàsc

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...