Gigi e Paolo amici per la pelle

La notte di San Lorenzo, nota per le stelle cadenti, è la notte in cui si sollevano gli occhi al cielo aspettando di vedere una scia luminosa nel buio della volta celeste per esprimere un desiderio. Un vero e proprio rituale vuole persone recarsi nei luoghi con maggior visibilità per attendere l’evento.

La notte del 10 Agosto è anche la notte del ricordo di due stelle, Paolo Castaldi e Luigi Sequino, ammazzati per errore dalla camorra proprio la sera di San Lorenzo del 2000. La tragedia accadde nella III traversa San Donato, quartiere Pianura. I due amici erano fermi nella loro macchina, una lancia y10 nera, quando furono ricoperti da una pioggia di piombo che non gli lasciò alcuno scampo. In seguito fu scoperto che Gigi e Paolo, poco più che ventenni, furono scambiati per i guardaspalle del boss Rosario Marra, in guerra con i rivali del clan camorristico dei Marfella-Pesce.

Gli affari, il potere, i soldi svuotano la vita umana del suo valore originario facendo si che una persona si arroghi il diritto di decidere della vita di un altro essere umano, distruggendo così i sogni, i progetti e le speranze di chiunque intersechi il suo cammino.

Oggi la III traversa San Donato è denominata via Paolo Castaldi e Luigi Sequino mentre il quartiere Pianura dal 10 Agosto del 2000 ha nel suo firmamento due nuove stelle “clarite et pretiose et belle”,

Gigi e Paolo amici per la pelle,

vittime innocenti della camorra.

E7BB8482-C46A-4A0A-A462-3B4FD3CBEA05
Murales in via Montagna Spaccata

 

Bentornata Edenlandia

<<Non devi aver paura adesso si ferma!>>
<<Eh quando si ferma?! Questo ci cade in testa.>>
Mentre il soffitto continuava a scendere, tra l’ilarità generale, Patrizia non disdegnava di mostrare il velo di paura che mascherava il suo roseo viso. Quindici anni, andava li ogni sabato pomeriggio insieme alle amiche per riprendersi la spensieratezza persa due anni prima, quando tornata a casa, dall’esame di terza media, trovò un capannello di gente in camera da letto, alcuni non li aveva mai visti, le dissero poi che erano parenti alla lontana. Capì subito ciò che stava accadendo, prima di scorgere il corpo della madre disteso sul letto. Quel giorno, il destino decise che per Patrizia era terminata l’età della fanciullezza ed era giunto il momento, forse un pò troppo presto, di divenire donna. Continua a leggere “Bentornata Edenlandia”