La speranza ha gli occhi di Davide

La periferia abbandonata, la periferia lasciata a se stessa. I sogni che custodiscono i bambini sono tutti uguali ma risvegliano con obiettivi diversi, poichè sono le possibilità a dare risvolti differenti ad un futuro già segnato per molti versi.
Corrono i ragazzi di periferia, quando vince chi è più veloce, sfrecciano talvolta sollevando la ruota anteriore del proprio mezzo dall’asfalto, perché impennare è l’unico modo per riuscire a volare ed afferrare un destino non troppo distante.
La periferia napoletana si compone di enclave in cui la cultura non viene indirizzata, dove i diritti essenziali non vengono sempre garantiti e l’ingiustizia sociale regna sovrana in uno stato che preferisce reprimere anziché predicare, che predilige distrarsi anziché combattere la dispersione. Continua a leggere “La speranza ha gli occhi di Davide”